SETTE ANNI DI DISGRAZIA (LO SPECCHIO ROTTO)

4 08 2010

I “finiani” dopo aver lasciato che la legalità venisse equiparata alla ragione stessa della loro esistenza e della loro contrapposizione coi “Berluscones”, alla prima prova dei fatti dimostrano di saper rinunciarvi con scioltezza.

Si astengono sul voto di sfiducia su un sottosegretario ALLA GIUSTIZIA, (di un governo massone) accusato di aver tramato, in una loggia massonica, contro le istituzioni, e nella fattispecie contro l’indipendenza della Corte Costituzionale. Robetta, insomma.

L’assessore regionale alla Protezione Civile, Ambiente e Rifiuti Daniela Stati si dimette dopo che la Procura dell’Aquila ne chiede l’interdizione cautelare dai pubblici uffici a seguito di un’inchiesta, con tanto di intercettazioni dalle quali si evince senza ombra di dubbio che lei ed il padre (ex democristiano tesoriere della DC e finito ai tempi d’oro in carcere per finanziamento illecito dei partiti) erano fatti oggetto di regalie da parte dell’imprenditore Angeloni, che così sperava di ottenere appalti nella Ricostruzione.

Addirittura regalò all’assessore un diamante (che è per sempre, diversamente dalla galera)  del valore di 15.000€ (un consigliere regionale abruzzese ne guadagna “solo” 13.000 circa) ed al padre dell’assessore un televisore definito “grosso”.

E così fanno due, perché forse ricorderete che mesi fa, quando emerse la vicenda degli sciacalli che ridevano, saltarono fuori anche altre intercettazioni in cui Denis Verdini, (che nel frattempo di guai ne accumulati un altro po’ anche altrove) consigliava uno degli imprenditori del consorzio Federico II di andare a trovare il Commissario Chiodi (presidente della Regione) perché era “un amico”. E gli appalti li ebbero,sembrerebbe,  per circa 10 milioni di Euro. A riguardo indaga la Procura nazionale antimafia.

Insomma, la Giunta Regionale, quando non è in ferie (se ne sono appena concessi un’altra trentina di giorni, dopo la pausa di 42 giorni consecutivi che ricorderete tra Marzo e Aprile) lavora ed anche sodo, a quanto pare.

Non per il bene della popolazione Abruzzese e men che meno per quella Aquilana, ci mancherebbe:

– Dei 46 milioni incassati per risarcimento assicurativo dell’Ospedale dell’Aquila non si hanno tracce, nessuno sa dove siano, e nel frattempo l’ospedale ha riaperto senza mensa, (i pasti arrivano dal Lazio, immaginate che bontà) ed i lavori procedono a detta di chi deve lavorarci e viverci all’insegna del rattoppo.

– qualche milione di Euro che evidentemente per L’Aquila non serviva è finito a Chieti per iniziative culturali (soldi delle donazioni a favore dei terremotati) e a Pescara per interventi sul suo aeroporto.

– Il Presidente nonché Commissario un giorno dice che il denaro è finito, il giorno dopo specifica che non tutto è finito e che il rimanente sa di averlo perché (con una gaffe senza pari) dichiara di averlo “sul suo conto personale”.

Parlassimo di cazzi degli altri mi verrebbe pure da riderci su, e pensare ad una fiction liberamente tratta dal titolo ” La giunta più pazza del mondo”, oppure non so “i soliti ignoti”, o magari “criminali allo sbaraglio”. Così non è purtroppo. E il Comune non è da meno: la maggioranza non esiste più, il Sindaco si regge sulla sua poltrona solo perché un commissariamento del Comune per ora non lo vuole nessuno, e alla prova dei fatti si naviga a vista, per di più con un occhio chiuso.

In due mesi si sono dimessi vari tra assessori, consiglieri e pure un dirigente del Comune.

Il Governo da par suo, minaccia di rimandare la Protezione Civile a gestire la “fase 2”, quando è chiaro ormai ai più che la fase 1 ancora imperversa e chissà che casino mastodontico vivremmo se al commissariamento della regione si aggiungesse quello del Comune e poi quello della Protezione Civile, magari nel periodo, che non si annuncia breve, di un possibile Governo tecnico di transizione che ci porti a nuove elezioni.

E in tutto questo, le caserme mezze vuote dell’Aquila non si sa ancora chi debba occuparle, la Finanziaria approvata ha prodotto una stortura burocratica per cui i cantieri della Ricostruzione vengono bloccati perché le aziende non sono in regolare posizione contributiva e dunque non possono presentare il DURC al Comune che le potrebbe, finalmente, pagare per il lavoro svolto. E parliamo di ricostruzione leggera.

I cinque saggi selezionati per lavorare alle linee guida della ricostruzione appena hanno preso parola hanno parlato di ricostruzione partecipata, di contributo della gente alle idee da mettere in campo, e a quelli che da un anno e mezzo ci mettono in disparte perché “minoranza rumorosa” credo sia venuto un mezzo infarto. Immagino che non li rivedremo più, i saggi.

L’Aquila aspetta l’esplosione di tutte queste vicende la cui soluzione si rimanda da troppo tempo. Del resto siamo arrivati ad Agosto, si va comunque in ferie e già verso la fine di Settembre il nostro clima ci imporrà una pausa forzata dei lavori. Per il centro storico ed i paesi del circondario sarà il secondo inverno con i tetti scoperchiati, così che dove non è arrivato il terremoto, arriverà la neve a fare il resto.

Dicono che la classe politica di un Paese è lo specchio della sua popolazione; un’immagine così distorta delle brave persone che immagino esistano anche in Italia la può restituire solo uno specchio rotto, sbriciolato in mille pezzi.

E forse è vero, è davvero così. Non mi stupirei, del resto. Fanno sette anni di disgrazia. Nel caso, siamo solo al primo.

https://stazionemir.wordpress.com/2010/08/04/sette-anni-di-disgrazia-lo-specchio-rotto/





IO NON ABDICHERO’

29 07 2010

La notizia mi ha trovato in Assemblea Cittadina.

Via la gestione degli Enti Locali, torna tutto alla Protezione civile.

Al silenzio con cui per i primi secondi è stata accolta ha fatto eco, nella mia mente, una sola immagine. Sassaiole, barricate. La città a ferro e fuoco. La città assediata.

E lo sconforto, per un attimo ha avuto il sopravvento.

Io non voglio la ricostruzione militare.

Io non voglio ancora imposizioni.

Io non voglio essere ospite in casa mia.

Io non voglio deroghe.

Io non voglio l’assistenzialismo.

Io non voglio l’assenza dei controlli.

Io non voglio una ricostruzione indiscutibile.

Io non voglio piani fatti da altri per il mio futuro.

Non voglio le regole speciali, voglio fondi speciali.

Non voglio censure ed ancora militarizzazione.

Io voglio disegnare con la mia comunità il nostro futuro.

Voglio che ci sia condivisione.

Voglio che ci prendiamo il tempo che serve per riconoscerci tutti nella città di domani.

Voglio che domani sia meglio di oggi. Ma meglio anche di ieri.

Voglio che si dimostri che la legge è un valore, non un ostacolo.

Voglio pensarla con tutti, la città di domani.

Nessuno deve insegnarci a pensare.

Nessuno deve venirci a comandare.

Nessuno deve essere al di sopra della legge, non più.

Leggi chiare e i soldi che servono. Un progetto che piaccia a tutti noi, che ci renda orgogliosi della città che avremo.

Così L’Aquila sarà ricostruita.

A L’Aquila oggi. A L’Aquila, se vorremo, anche domani.

Per volontà si resta e per volontà si va. Ma nessuno può imporci la fuga da casa nostra. Se è questo che si vuole ci sarà guerra, e sarà stata voluta non da noi. Non c’è più niente da perdere, e tutto ciò che resta è da difendere. A cominciare dal nostro diritto all’autodeterminazione.

A costo di barricarci dentro le mura, chiuderci le porte della città alle spalle e respingere l’invasore finché ne avremo le forze.

E’ il confronto tra chi vede nella legge un valore o un ostacolo.

Tra chi vede nei diritti del singolo e della comunità i limiti delle proprie libertà.

E’ la battaglia campale tra libertà collettiva e sopruso del singolo.

E’ il confronto tra la volgare semplicità della dittatura da un lato, e la nobile complessità della democrazia dall’altro.

Scelgo il valore delle leggi, scelgo i diritti della comunità e dei singoli, scelgo la libertà e la ricostruzione democratica. “il popolo sovrano” è un concetto che va riempito di contenuti, cominciando da quì e da questo affronto.

Voi TUTTI, dovete scegliere il vostro lato. Siete obbligati ad una scelta. E per la scelta che fate, essere disposti a mettervi in gioco.

Se non l’aveste capito, si comincia da oggi. E si fa sul serio.

Il popolo è sovrano, e io non abdicherò.

Share





… (SENZA PAROLE)…

13 06 2010

Questo è quanto recita un cartello apparso lungo Corso Vittorio Emanuele, L’Aquila. Se fosse vero, sarebbe un fatto gravissimo. Ma sarebbe in buona compagnia.

Aggiungo solo: meno male che la Protezione Civile non mi legge….

Share

(foto di Fabio Iuliano)





BUTTATE LA CHIAVE

4 06 2010

Alcune buone notizie. Notizie pesanti, che l’informazione venduta vorrà minimizzare e fare sparire, dopo un obbligatorio primo passaggio nel tg, un momento prima della pagina sportiva.

Ma per me, per noi, qui, queste sono LE notizie. Quelle che tanto abbiamo atteso. Quelle che per mesi abbiamo chiesto arrivassero, con la pazienza delle persone civili ma determinate. Con la certezza d’essere noi nel giusto, ed altri invece, nel torto marcio.

Come preannunciato giorni fa su queste pagine, il nostro nuovo Prefetto è stato ascoltato dai giudici di Napoli come persona informata dei fatti sulla vicenda degli appalti al Ministero degli Interni. L’hanno ascoltata ed invitata a prendersi un avvocato:  da ieri è indagata. Insomma,A rappresentare il Governo Berlusconi nella città italiana che oggi ha più bisogno di legalità, nel più grande cantiere d’Europa, hanno messo un Prefetto che compare nella “lista Anemone” (esperto d’edilizia e non solo), e che è accusata di turbativa d’asta. E’ nel posto giusto, al momento giusto!

Come richiesto da mesi, i vertici della commissione Grandi Rischi, quelli che si riunirono a L’Aquila dopo settimane di richieste in tal senso, solo il 31 Marzo 2009 (all’indomani della scossa di magnitudo 4.0 delle 15,30 del pomeriggio), oggi sono finalmente indagati per omicidio colposo.

Omicidio.

A questa accusa, ne manca ancora una: quella per falso ideologico: Enzo Boschi, Presidente dell’INGV alcuni mesi fa dichiarò che il verbale di quella riunione gli fu fatto firmare la mattina del 6 Aprile, a cose fatte, quando era troppo tardi. Non mi risulta che nessuno l’abbia smentito, o querelato per diffamazione. Boschi l’ha più volte confermato, forse nel tentativo di emanciparsi dal gruppetto di scienziati membri della Commissione. Vedremo cosa succederà anche su quel fronte. Per ora si parla ancora di negligenza.

Negligenza fatale nel tranquillizzare una popolazione. Pressappochismo di una commissione scientifica, nel dire che “i terremoti non si possono prevedere”, nel dire che l’attività sismica in corso è normale, e soprattutto negligenza colpevole nel far discendere da questi assunti, la decisione di tranquillizzare 72.000 persone, invitandole a bere un bicchiere di buon Montepulciano d’Abruzzo. Io per questo li voglio in galera. E siamo in tanti a volerceli. Parenti delle vittime in prima fila, e noi tutti insieme a loro. Perché al loro posto potevamo esserci tutti noi, potevo esserci anch’io.

La mia vita non me l’ha salvata la Protezione Civile, ma forse casa mia e soprattutto molta fortuna. La Protezione Civile minimizza, si dice stupita: intuisce un intento distruttivo dietro gli avvisi di Garanzia. Continua a dire “i terremoti non si possono prevedere”.

Se non puoi prevederli, non puoi venirmi a prendere in strada per riportarmi in casa perché “non c’è pericolo”. E loro l’hanno fatto. Non gli passa nemmeno per l’anticamera del cervello di dimettersi dai loro incarichi. In Italia no.

Se mai si riuscirà a stabilire che più che salvatori sono carnefici, se un giorno andranno in galera,  buttate la chiave.

Insieme alle arance, gli porteremo il Montepulciano.

Share





L’UOMO GIUSTO

12 05 2010

Franco Gabrielli. Prossimo (Vice) Capo del Dipartimento di Protezione Civile

Lui, dice che era tutto già deciso dal settembre 2009.

Dice che quindi, gli scandali che hanno colpito Bertolaso, nulla c’entrano con il suo arrivo in Protezione Civile, e col suo futuro avvicendamento al vertice del Dipartimento. E nulla c’entrano quindi le indagini per ipotesi di corruzione, omicidio colposo, né tantomeno le Moniche e Francesche del Salaria Sport Village che da qualche mese a questa parte hanno un po’ imbrattato i fregi dell’eroe nazionale Guido Bertolaso.

Lui, difatti, è Franco Gabrielli. E non c’entra nulla. Leggi il seguito di questo post »





SENZA PIFFERAIO

1 05 2010

Martedì, sono stato a Firenze. Ero invitato ad un seminario della Fondazione Volontariato e Partecipazione, si parlava di rischio sismico, e partecipazione.

Tra studi del CNR sui precursori sismici, ed altri progetti, nettamente più simili a quelli di Giampaolo Giuliani (che però nessuno mai nomina, come se non essendo laureato non avesse diritto alla citazione, anche solo per “cortesia intellettuale”), ho avuto la dimostrazione chiara, man mano che gli interventi si dipanavano, che L’Aquila sia un laboratorio eccezionale.

Lo è stato da subito, nell’immediato terremoto. Leggi il seguito di questo post »





NON TUTTO CROLLA

30 04 2010


“Nel 1915 un violento terremoto aveva distrutto buona parte del nostro circondario e in trenta secondi ucciso circa trentamila persone. Quel che più mi sorprese fu di osservare con quanta naturalezza i paesani accettassero la tremenda catastrofe. In una contrada come la nostra, in cui tante ingiustizie rimanevano impunite, la frequenza dei terremoti appariva un fatto talmente plausibile da non richiedere ulteriori spiegazioni. C’era anzi da stupirsi che i terremoti non capitassero più spesso. Nel terremoto morivano infatti ricchi e poveri, istruiti e analfabeti, autorità e sudditi. Nel terremoto la natura realizzava quello che la legge a parole prometteva e nei fatti non manteneva: l’uguaglianza. Uguaglianza effimera. Passata la paura, la disgrazia collettiva si trasformava in occasione di più larghe ingiustizie.
Non è dunque da stupire se quello che avvenne dopo il terremoto, e cioè la ricostruzione edilizia per opera dello Stato, a causa del modo come fu effettuata, dei numerosi brogli frodi furti camorre truffe malversazioni d’ogni specie cui diede luogo, apparve alla povera gente una calamità assai più penosa del cataclisma naturale. A quel tempo risale l’origine della convinzione popolare che, se l’umanità una buona volta dovrà rimetterci la pelle, non sarà in un terremoto o in una guerra, ma in un dopo-terremoto o in un dopo-guerra.”

Ignazio Silone, sapeva di cosa parlava. Uguaglianza effimera, destinata a cadere per mano della ricostruzione. Non già quella materiale, dei beni perduti; ma ricostruzione dei pre-esistenti rapporti di forza, delle posizioni privilegiate. Mentre la collettività annaspa, e conosce difficoltà mai sperimentate, c’è chi si avvantaggia innegabilmente. Leggi il seguito di questo post »