MAI SUDDITI

28 07 2010

Si capiva che avrebbe piovuto ieri pomeriggio, quando da C.A.S.A. mi sono avviato verso la Piazza in motorino per fare presto. Ero uscito per tempo, ma la città era quasi paralizzata dal traffico.

Arrivato al parcheggio della Villa Comunale, incontro Anna. Miss Kappa, se preferite. Vedo i 4 autobus bianchi dei deputati parcheggiati poco più avanti. E vedo subito che c’è un traffico di persone, in centro, che a quell’ora non c’è mai.

Con Anna ci avviamo verso la Piazza. Ci siamo dati appuntamento per le 17, prima dell’assemblea prevista perché abbiamo un timore: temiamo che l’assemblea di oggi sia un appuntamento con prospettive ribaltate rispetto all’usuale.

Temiamo che oggi ai cittadini tocchi essere pubblico in ascolto, piuttosto che “conduttori” dei giochi, in casa propria per di più.

A quell’ora siamo quattro gatti. Il tendone è già aperto; e presidiato da fonici, cameraman, e il capo di gabinetto del Sindaco. La mia rabbia sale.

Quello che vedo mi conferma che c’ho visto giusto; che c’hanno fregato. Che dopo 1 anno 3 mesi e 21 giorni, il PD viene qui a pontificare, ad essere immeritato protagonista in casa nostra. E noi, cittadinanza attiva e cosciente sin dalle prime ore della grandezza del problema che viviamo, oggi saremo relegati ad ascoltare.

Cosa dire poi, quando vedi affluire al tendone una folla mai vista, munita addirittura di ombrelli, per restare semmai dovesse piovere?

Mai vista una simile folla alle assemblee cittadine. Evidentemente Bersani attira. Oppure vogliono vedere da vicino come sono fatti i parlamentari. Non posso credere che vogliano ancora sentire che cosa hanno da dire, e da dirci oggi. 1 anno, 3 mesi e 21 giorni dopo il loro incomprensibile silenzio.

Quando la folla è tanta e sotto il tendone c’è la calca, arriva Ettore.

A quel punto, controvoglia, sia io che Anna ci siamo convinti che dobbiamo sederci  e aspettare cosa accadrà.

Ettore invece, porta buone notizie. “apriamo noi”.

Aprire noi significa che si vuole salvare l’apparenza, e magari salviamo anche la sostanza. Significa che, nella forma, questa sarà un’assemblea cittadina come tutte le altre.

Significa che carta e penna alla mano, si segnano gli interventi in ordine di prenotazione; può significare che quindi il parlamentare parli dopo un cittadino e prima di un altro, perché così è andata. Significa che il terreno è scivoloso per i nostri ospiti. E mi piace, l’idea.

Ettore apre in maniera magistrale; lo interrompono gli applausi più volte, le acclamazioni, che partono spesso da in fondo al tendone, dove sono seduto io. Gliele canta a dovere, Ettore, e con una certa signorilità che non guasta mai, anzi.

Si parla delle 54 assenze nelle file del PD quando si votava un emendamento del PD (di Giovanni Lolli,PD, aquilano), non passato per soli 11 voti.

E si ricorda di quando ben 38 erano gli assenti e 4 gli astenuti nel PD quando si votava la conversione in legge del decreto 39 del 2009, passato per 35 voti di scarto.

In quelle due occasioni il PD avrebbe fatto opposizione al Governo, dando forza in Parlamento alle nostre richieste; non l’ha fatto. Molto semplicemente, non ha fatto nulla o quasi. E nessun risultato ha portato a casa.

Passa il messaggio, fondamentale, che gli abbiamo preso le misure. Che sono “sotto tiro” e sappiamo per filo e per segno quello che fanno e quello che, molto più spesso, non fanno.

Ne deve derivare la consapevolezza che per questi errori dovranno pagare, se non si inverte la rotta, e si comincia a lavorare davvero PER L’Aquila.

Gli interventi seguitano. Li ascolto con piacere: giuste osservazioni, giustamente critiche verso il loro operato. Dietro il tavolo dal lato opposto del tendone, siedono Lolli, Ettore, Franceschini, Bersani e Cialente.

Due su cinque sostengono lo sguardo degli aquilani arrivati sotto il tendone improvvisamente striminzito. Quei due sono Ettore e Lolli; a tratti anche Cialente. Gli unici che possano sapere di essersi comunque spesi per il loro territorio. Gli altri oggi devono incassare.

E incassano, non c’è che dire. Incassano bene, e in silenzio.

Vedendo tutta quella folla partecipare, non posso fare a meno che rivolgere alla gente l’invito a tornare, a dire la loro anche quando non c’è il PD al completo.

Perché siamo noi che stiamo preparando iniziative e proposte concrete da sottoporre a quelli che in Parlamento devono ancora imparare a rappresentarci e difenderci. Perché partecipare è bello ma è fondamentale. A costo di portare idee non condivise, vedendole cadere sotto i voti contrari dell’Assemblea; cadere e rialzarsi, intanto ascoltando cosa pensa il tuo vicino di casa, o semplicemente un tuo compagno di sventura. Parlarsi, imparare ad ascoltarsi. E’ difficile, è estenuante, a volte vorresti essere milioni di chilometri lontano dal quel tendone. Ti sorprendi a fantasticare su come sarebbe stato bello se non avessi mai avuto bisogno di un luogo così, se il terremoto non ci fosse mai stato e la tua vita avesse potuto scivolare avanti senza intoppi.

Poi capisci che anche quello è un pensiero sbagliato. Che quel tendone è la cosa migliore che potesse capitarci; che lì sotto d’inverno, e lì fuori d’estate, stiamo scrivendo davvero un pezzo importante della nostra storia. E questo pezzo va scritto a più mani, perché tutti possano davvero riconoscere di aver contribuito ad una riga di quel racconto.

Dopo di me, subito dopo, parla Bersani.

Provato da un paio d’ore di sferzanti critiche ed osservazioni circostanziate, fa l’unica cosa che, con dignità, si possa fare. Prendersele tutte, e promettere di fare in modo di non meritarle più.

Dopo aver enunciato i principi della nostra piattaforma sulle tasse, e della legge speciale che vogliamo per la ricostruzione dell’Aquila, quella che a Berolaso non servirebbe, quella che gli esperti mondiali di ricostruzione arrivati ieri a L’Aquila hanno giudicato fondamentale, Bersani si assume una responsabilità.

A noi il compito di scriverla, insieme. Noi, sotto il tendone, la scriveremo.

Il PD, la studierà. Se riterrà, la farà sua. Trattandosi di legge di iniziativa popolare, si farà parte attiva nella raccolta delle necessarie 50.000 firme autenticate.

Dobbiamo partire subito lavorandoci bene, insieme.

L’Assemblea si scioglie, e sono felice.

Abbiamo strappato un impegno che ci è dovuto.

Il tavolo era di plastica, non di ciliegio. Eravamo sotto un tendone nel centro di una città terremotata, che non ci sta a morire, non in uno studio televisivo.

Mancava il cortigiano che porge la penna e unge gli ingranaggi.

Non c’era niente da firmare, nessun “contratto” con gli Aquilani.

La speranza è che stavolta basti una stretta di mano, per restituire dignità al rapporto tra eletti ed elettori.

Noi la nostra dignità l’abbiamo mostrata ieri per l’ennesima volta.

Andando avanti senza suppliche, come sempre cittadini. Mai sudditi.

Share

Qui trovate invece il video integrale o i singoli interventi di ieri.

Annunci




SOGGETTO (POLITICO) E PREDICATO.

20 07 2010

Ieri pomeriggio. Nuvole ed afa irrespirabile. Una piazza stretta già di suo, e stretta ancor di più dall’incombente ponteggio che promette di saper reggere la grande cupola di San Bernardino. E il retro, (sfasciato non meno della facciata -più nota-della scuola De Amicis, per la quale si spende l’impegno delle Amiche per l’Abruzzo) che anche su quella piazza si affaccia. Piazza del Teatro. Sfasciato pure quello, schiuma arancio che sigilla le sue vistose crepe, tanto grandi che ci infileresti due mani. I cantieri, manco a dirlo, sono fermi e silenziosi, in attesa di tempi migliori.

L’inaugurazione, l’annuncio gaudio magno urbi et orbi di “Cantiere Aq”  va in scena in un contesto così: circondata dalla zona rossa, al “ridotto” del Teatro Comunale.

Mentre ci arrivi sei sormontato dalla grandezza fisica del disastro; ne deriva una ritrovata  voglia di cercare motivi di speranza. E quella piccola folla radunata davanti al ridotto, a cercare fuori aria più fresca che all’interno, sperava di respirare e di trovare ieri un nuovo motivo di fiducia nel futuro.

Si entra, si prende posto. Io, mentalmente registro.

La donna dell’entourage Pezzopane che introduce l’inizio della conferenza, immediatamente da il la. Batte un diapason tutto suo. La nota la percepiscono quelli che hanno orecchie più smaliziate.

“Diamo inizio alla presentazione di Cantiere Aq, questo nuovo soggetto politico, questa associazione, che…”.bla bla bla.

Faccio un salto sulla sedia.

Anche Elisa, giornalista Aquilana seduta di fianco a me, se lo segna a caratteri cubitali sul taccuino: SOGGETTO POLITICO.

Non speravo in un messaggio tanto chiaro, tanto esplicito, in fondo sì, tanto sfacciato.

Si va avanti. Lettura del manifesto dell’associazione. Tante belle parole. Se l’Assemblea cittadina avesse avuto un manifesto, non avrebbe potuto essere che quello che ci viene letto ora dal palco, dalla stessa donna dietro un leggio. Sembra una lettura di poesia d’avanguardia. E invece no.

Presenti: Badaloni( Europarlamento), Lorenzetti(Ex Presidente Umbria), Giulietti(Articolo 21), Lolli, Cialente (in ritardo, e sempre più sfranto, sfibrato) e ovviamente la padrona di casa: Stefania Pezzopane. O solo Stefania, per quell’aquilanità di sinistra che se la ricorda forse ancora ragazza quando ragazzi erano pure loro. Per loro basta il nome. Gente dell’età dei miei genitori, o iscritti “al Partito” di una volta, che l’hanno vista crescere, politicamente.

Ebbene inizia il discorso della Presidente della costituenda associazione. La Presidente, per antonomasia, è lei. Discorso bello, del resto lo dicono tutti: “Stefania parla bene”.

Mette molto le mani avanti. Specifica più volte, anticipa più volte le affermazioni più strettamente “politiche” dicendo che questo è un soggetto, un attore “IN PIU'” nella scena aquilana. Che non va a sostituirsi a nessuno di quelli già presenti. (Excusatio non petita)

Poi però si dice che è uno spazio aperto ai cittadini, per essere luogo di incontro, di scambio, di proposta di idee, di confronto e di decisione tra pari. Tra cittadini, “tutti aquilani” (“per chi crede che l’unico vero obbligo di appartenenza sia quello verso l’umanità e la civiltà, senza sottocategorie distintive”).

Cioè, per dirla bruta, il soggetto politico messo su da un personaggio politico,iscritto e rappresentante di un partito politico, dovrebbe svolgere la funzione che è propria dell’Assemblea cittadina.

Nata perché di un luogo così c’era bisogno,se ne sentiva la necessità. E si è deciso di incarnarlo in modo corale. Reprimendo quotidianamente le spinte personalistiche che innegabilmente ciascuno porta, reprimendo (anche queste quotidianamente) preconcette visioni partitiche della realtà, in un’ottica diversa. La città è di tutti, e non ha colori. E’ il nostro patrimonio passato, e dobbiamo cercare di far sì che possa essere un patrimonio anche futuro. Punto. Non serve altro. E, scuserete la diffidenza, ma una cosa del genere la fanno cittadini liberi. Anche se solo da logiche di partito. Partito di cui si fa parte , e anche di quello in cui prima o poi si entrerà.

Non è naturale che si proponga di farlo un politico di rango in cerca di sistemazione adeguata alle ambizioni personali.

Non so voi, ma io credo che un politico non possa tentare di incarnare realtà ed aspettative della sua “base” di riferimento e anche  di chi non appartiene alla sua stessa parte politica, senza correre il rischio di apparire per chi conduce un’operazione populista, e poco credibile nella sua onestà intellettuale. Può semmai cercare di costruire con le altre parti politiche un consenso su obiettivi comuni. Che vanno interpretati da PIU’ soggetti concordi. Non da un solo interprete. Non può, uno solo interpretare tutto, per tutti. Non può essere il monologo, la ricostruzione. Nemmeno il monologo di chi promette ( e solo questo può fare) di avere orecchie per tutti. Perché la bocca è sempre una, come la testa. Altrimenti è la schizofrenia, o peggio, l’inciucio. Il populismo di sinistra. Un orrore.

Parlano tutti dopo di lei. La Lorenzetti ha un altro passo. Donna che c’è passata per una ricostruzione. Che parla di cordoli di cemento armato con la stessa disinvoltura con cui parla di incontri e tavoli e leggi nazionali per la ricostruzione. Di Intese Governo-Regione. Di incontri istituzionali. Ci invita a non mollare sulle nostre richieste. Sui nostri diritti. Non lo faremo, può starne certa. Badaloni, indignato per l’uso fatto dell’informazione televisiva del TG1 (e altri) sul terremoto. Strappa applausi, è chiaro. Dichiara però che ha scoperto oggi che abbiamo 54.000 sfollati. ( Esclamo dentro di me: ” e ci fai il Parlamentare Europeo e il giornalista RAI, ma potevamo vincere la guerra?” roba da farti cascare le braccia. Un anno e mezzo quasi che la gente si informa sui blog, e loro,  nei palazzi non ne sanno una sega!!)

Giulietti propone di dedicare spazi giornalistici fissi, ossservatori sulla ricostruzione. Buona idea, mi domando chi lo dovrebbe consentire.

E poi Lolli, che accenna un’autocritica per i momenti in cui la politica locale era assente e siamo stati presenti noi. La gente. Che dice “gli ha suonato un po’ la sveglia, gli ha dato coraggio”.

Spazio alle domande. tre o quattro che tessono le lodi di Stefania, appunto. Basta Stefania, per loro. Lucci, dell’Accademia dell’Immagine che batte cassa per i suoi debiti. Che ci chiede, A NOI(!) cosa vogliamo fare con i debiti dell’Accademia. Se vogliamo volare alto, comportarci da capoluogo e difendere ciò che abbiamo. Partendo, secondo la sua personale visione, dall’Accademia. Il Sindaco, per chi non lo sapesse, ne è il Presidente.

Vorrei quasi domandargli se non era il caso che chiedesse un appuntamento per parlarne con i diretti interessati. No, perché a me onestamente non mene frega niente dei suoi debiti. Non ora. In generale non mi frega di interventi fatti in pubblico “pro domo sua”.

E così, per ultimo, prima che si passi il microfono al Sindaco, faccio l’ultimo degli interventi dal pubblico. Anziché fare affermazioni, come tutti quelli che mi hanno preceduto, (eccetto una ragazza che ha detto “non vi dimenticate che siamo una città universitaria”) decido di fare delle domande.

“Questa associazione siederà alla pari delle altre nell’assemblea cittadina, strumento che ci siamo dati per confrontarci senza eccessivi personalismi, e per interpretazioni collettive e corali circa la strada da percorrere nella ricostruzione? Oppure tenta di essere una fagocitosi dell’Assemblea stessa che dovrebbe riconoscersi nella Pezzopane, capace di interpetare tutto e tutti. Di dirci poi lei, come si deve fare?” Sarebbe da aggiungere qualcosa del tipo ” e magari di farlo anche, quando sarà diventata deputato, e Sindaco, se gli incastri tra chi cade prima, il Governo o Cialente, glielo consentiranno?” ma non lo dico, meglio di no.

La Pezzopane, a denti stretti risponde che assolutamente, l‘intento non è la fagocitosi. Che certamente alcune cose si faranno insieme in Assemblea, ma che altre le si può portare avanti in solitudine, ed in altre sedi.

Ci sono però dei casi, e forse sono la maggioranza, in cui più che farsi dare una risposta da un politico, l’importante è avergli fatto una domanda. Perché alcune domande possono insinuare il dubbio in chi ascolta farle, e mandare un messaggio a chi ne è il destinatario.

Il messaggio è arrivato senz’altro. Stefania non è fessa.

E nemmeno noi ; per ogni soggetto, anche politico, c’è un predicato. Quello che cantiere Aq predica, io l’ho capito. Non pretendo di avere ragione. Basterà aspettare, e constatare.

Credete che sia giusta l’intuizione? Allora condividete, e salviamoci il nostro esperimento di democrazia partecipata. Perché sia finalmente partecipata e democratica per davvero.

Share