6/4/’09 Fine 1°tempo

Questo blog, era nato poco più di un anno fa per uno scherzo.Uno scherzo che io stesso volevo fare a me.

Divertirmi usando il mio computer, facendo filmati e dicendo assurdità.

Oggi, e da alcuni mesi, ha cambiato la sua veste,credo.
Il 6 Aprile è uno spartiacque netto, nella mia vita.
Da quella data e da quello che i suoi avvenimenti hanno deciso dovesse significare, per me, per la mia famiglia, per L’Aquila e quindi, per l’Italia tutta, il 6 aprile segna un punto di non ritorno.

Fino ad allora, potevo pensare che avere un’opinione differente dalla mia fosse semplicemente una libertà, che non comportava conseguenze di nessun tipo a me.

Oggi, sperimento che è la maggioranza a decidere, e valutare i miei bisogni, i miei diritti, anche le mie aspettative.
Sono loro,con la forza dei loro numeri attuali a potermi dire a cosa aspirare, di cosa vergognarmi, di cosa andare fiero.

La mia voce, la mia opinione, non solo non è lecita, ma va zittita, o annichilita in un gioco al massacro tra delazioni,ingiurie, simil-maledizioni affinché io patisca ancora di più di quanto non ho fatto finora.
Io non posso, secondo loro, criticare ed argomentare. Non posso non sentirmi grato a nessuno,né ritenere che lo Stato a L’Aquila ha fatto solo una minima parte di quello che era il suo dovere, distruggendo una terra incontaminata, sperperando anche il mio denaro, col quale non mi è stato chiesto che uso avrei preferito venisse fatto per me,con miei soldi, che aiutano comporre quell’elemosina.
Io non posso farlo: perché sarei ingrato, perché nessun terremoto fino ad oggi era stato gestito con così tante risorse nell’immediato, perché io non mi faccio il culo nella ricostruzione come i Friulani,perché perché perché…

Perché fondamentalmente, ancora non vi accorgete che tutto quello fatto fino ad oggi è solo una macchina messa in moto per farvi tacere in futuro, per dirvi e dire anche a me (per colpa anche vostra, che lì li avete messi) che da domani il set si chiude, e si inizia a farla davvero l’elemosina.
Senza lavoro, senza sistemare le nostre case ed i nostri monumenti, senza rispettare le volontà di chi certe decisioni è obbligato a subirle, senza consentirci un confronto.

L’emergenza è così, richiede misure drastiche, e chi s’è visto s’è visto.

Buon proseguimento, nel posto dove avete avuto la possibilità di decidere di trascorrere i prossimi vent’anni: Stazione Mir, cambia pelle.

Ci sono dei momenti in cui avere un’ opinione chiara e motivata significa anche non essere disposti a farne merce di trattativa.
Beh, quel momento, è arrivato: ognuno si faccia un’opinione su che vita vuole condurre. io ho scelto di dire quello che penso, e di agire di conseguenza.

Fate a meno di dirmi la vostra, se significa parlare dell’opinione che avete di me.
Non vi viene richiesta.

2 responses

20 02 2010
9 03 2010
Gianna

Continua così quatrà!

Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: