SUCCEDE A L’AQUILA

12 08 2010

Il 10 agosto 2010, il Presidente della Corale Gran Sasso, aveva prenotato al Comando dei Vigili del Fuoco, un accompagnamento nel cuore della zona rossa del centro cittadino.

Scopo: recupero beni, come vuole la dicitura corrente del burocratichese.

Sostanzialmente, doveva essere accompagnato e scortato in zona rossa, Via Cembalo di Colantoni, (100 metri scarsi da Piazza Duomo) per recuperare oggetti e quant’altro fosse ancora custodito nella sede del coro.

Il palazzo, che ospitava fra gli altri anche la sede del coro, puntellato da poco, risultava inaccessibile: porte inchiodate con tavole, scale occupate da ponteggi e pali d’acciaio a sostenerne la struttura, in attesa di restauro. Impossibile accedervi, dunque.

E così, girando intorno al fabbricato per verificare la possibilità di un accesso secondario, il gruppo ha notato una cosa che aveva ed ha tutt’ora dell’incredibile.

C’era, nel palazzo, una Tv era accesa a volume udibile dalla strada, e da lì poteva sentirsi l’odore di carne in cottura.

Arrampicatisi sull’impalcatura che fodera lo stabile, hanno sorpreso nel suo appartamento un ragazzo che abitava lì prima del terremoto, ed oggi sfollato nei MAP di Pianola.

Il ragazzo faceva la ciclette in casa sua, ed era in attesa dell’ora di cena, (erano passate le 17) momento in cui si sarebbe gustato la sua carne.

Il suo soggiorno in casa sua, è finito così.

Interrotto da una imprevedibile visita in zona rossa, “disturbato” dalla sua recuperata quotidianità ha dovuto fare ritorno al suo MAP di Paganica. Nella casetta di legno, cui nonostante tutto aveva preferito il suo appartamento inagibile.

Morale della storia, che è vera e documentata dallo stesso Presidente della Corale Gran Sasso:

1) La presenza dei militari è una scocciatura del tutto inutile, potrebbero essere impiegati a lavorare davvero, e magari altrove. O se proprio devono restare a L’Aquila, che gli insegnasse qualcuno come si tiene in mano una pala, o una carriola e cominciassero a rimuovere le macerie. A nulla valgono i loro posti di blocco alle porte della città, le pratiche di identificazione, i passi, e tutto quello che è stato messo in piedi per tenere lontano malintenzionati. Tanto, ormai, hanno rubato tre volte a testa in tutte le case. Non resta nulla da portare via.

2) Gli Aquilani sono gente davvero particolare. Credevo che solo mia nonna fosse irriducibile al punto da violare ogni volta la zona rossa di soppiatto, per farsi un giro nella sua città, venendo regolarmente sorpresa a fotografare zona inaccessibili dai Vigili del Fuoco di passaggio.

3) Il legame con la nostra città, con le nostre abitudini, cose e case è indissolubile. Più forte di qualsiasi divieto. Più forte di qualsiasi istinto di sopravvivenza.

E qui bisogna chiarirsi: per molti l’istinto di sopravvivenza significa  andare in luoghi sicuri, pur se a malincuore.

Per altri, come quel ragazzo, per sopravvivere devi andare via dal MAP, per farti la ciclette e un arrosto in casa tua. Anche se inagibile.

Succede a L’Aquila.

Share


Azioni

Information

One response

12 08 2010
Emiliano

…diciamo solo che questo terremoto a messo in luce sostanzialmente: 1)che gli aquilani sono un popolo particolare nel senso che o sono degni della più grande generosità e spirito di sopravvivenza o sono dei cacasotto, egoisti e spietati accattoni;2) che le forze dell’oridine spesso prendono solo lo stipendio per picchiare chi protesta, per il resto tutto può andare a puttane;3) che se L’Aquila aveva una decadenza prima del terremoto, ora è definitivamente morta; 4) la P.C. è il medium fra mafia, stato e grandi eventi…

Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: