LETTERA APERTA AL SINDACO CIALENTE

16 04 2010

Ill.mo Sindaco Cialente,

nell’ultimo anno, abbiamo più volte sentito annunciare il momento in cui la ricostruzione leggera sarebbe finalmente partita.

Pare che, almeno in parte, la bella stagione del 2010 vedrà aprirsi cantieri nella periferia dell’Aquila.

Dal mio punto di vista, la periferia della città è importante tanto quanto il suo centro.

Ha, per di più oggi, l’importanza strategica di essere il compito più facile da svolgere per restituire agli Aquilani una prima fetta della beata normalità che tanto desideriamo. Sembra non ci vorrà molto tempo per far tornare i proprietari delle abitazioni classificate B o C nelle loro case.

Alcuni di loro, e temo siano una minoranza, lo hanno fatto con grandi sacrifici, chiedendo ed ottenendo una parziale agibilità; vorrei farle a questo proposito notare, che stiamo parlando della parte migliore di questa città.

Stiamo parlando di coloro i quali non hanno indugiato un attimo, e rinunciando al contributo di Autonoma Sistemazione, hanno riguadagnato le loro mura (quelle rimaste intatte) e lo loro intimità. Sono convinto siano una minoranza (della quale ahimè non ho potuto far parte, avendo una casa inagibile in periferia), perché troppi sono i casi che conosco direttamente, di famiglie e singoli individui, che pur vivendo prima del sisma negli stessi condomini classificati B e C, non hanno ritenuto unanimemente di doversi sacrificare ad un rientro in case non perfettamente integre, preferendo contributi di autonoma sistemazione, o magari, ancora oggi una sistemazione di durata più che annuale in albergo.

Non tutti loro, l’hanno fatto per reale necessità, ma semplicemente perché avendone la facoltà, hanno ritenuto di giovarsene.

Buon per loro.

Ma oggi, Sindaco, il Comune dell’Aquila si trova anche a causa di queste diverse “sensibilità”, di questi diversi “sensi civici”, a dimenticare proprio chi fino ad oggi ha pensato a se stesso senza disturbare, senza appesantire la macchina dei soccorsi e dell’assistenza agli sfollati.

Infatti, nel momento in cui ci sarà l’apertura dei cantieri nei condomini, cosa ne sarà di quella parte virtuosa di Aquilani, che fino ad oggi si è arrangiata in casa propria?

La ristrutturazione di un condominio C, può durare senza difficoltà anche tre mesi, e sarà senza alcun dubbio necessario liberare nuovamente (in nome della sicurezza sui cantieri)  quella quota di appartamenti oggi definiti “parzialmente agibili”.

E i loro abitanti?

So per certo che in molti si sono rivolti al Comune chiedendo lumi. La risposta è stata che a loro non spetta alcunché: né un ritorno al contributo di autonoma sistemazione, né la possibilità di richiedere un temporaneo alloggio nelle strutture alberghiere disponibili.

Lei, Sindaco, ritiene che sia un gesto decoroso?

Ad un anno di distanza dal terremoto, le sembra accettabile che si chieda a questi virtuosi cittadini che hanno saputo dimostrarsi altruisti, disinteressati alla vil pecunia, di tornare a fare gli sfollati e senza le garanzie di un anno fa?

Nell’ultimo anno, abbiamo assistito all’indecoroso spettacolo di cittadini che pur avendo case classificate A, hanno atteso di essere scacciati dagli alberghi sulla costa, mentre qui c’era chi si è attrezzato al campeggio sotto casa, credendo di lasciare spazio a chi non aveva gli stessi mezzi, e la stessa forza d’animo.

Questi Aquilani, dimostratisi nei fatti onesti, devono sentirsi rispondere dal loro Comune di non essere stati, allora, sufficientemente furbi?

Anche dalla riconoscenza istituzionale verso la cittadinanza che ha cooperato -con sacrificio personale- alla gestione della prima emergenza, deve poter passare l’inizio della nostra ricostruzione.

Sperando in un suo chiarimento in merito, le porgo Distinti Saluti

Federico D’Orazio

Share


Azioni

Information

2 responses

16 04 2010
Leo Swanson

La morale della storia potrebbe essere: “ad essere onesti ci si rimette”!

Mi piace

16 04 2010
Antonio

Aspetta ancora un po’, appena berlusconi sistema le sue cose con la giustizia, forse, oltre che a pensare a sè stesso, troverà un po’ di tempo per qualcuno, e se sei fortunato, quel qualcuno potresti essere perfino tu. Ma se non sistema la sitazione dei processi, potrebbe forse finire in carcere, allora, anche quel qualcuno rimarrà ad aspettare. Certo che se tutti cominciassero a non guardare le sue televisioni ed ovviamente anche la rai (visto che anche lì comanda lui) si potrebbe vedere meglio la realtà e tutti potrebbero smettere di votarlo, così lui potrebbe prendere voti solo dai masochisti e dai mafiosi.
Antonio.

Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: